Interventi di ginecomastia a Bari

Tecniche chirurgiche per restituire tono alla regione addominale

Gli interventi di ginecomastia a Bari consistono nell’asportazione dell’eccesso di tessuto cutaneo e adiposo nella parte bassa e centrale dell’addome, di solito causato da una o più gravidanze, o da dimagrimenti di grande entità. A tale riguardo è bene precisare che l’addominoplastica infatti non può, e non deve assolutamente essere considerata una tecnica dimagrante: al contrario, i pazienti in sovrappeso, prima di sottoporsi a questo tipo di intervento, devono necessariamente seguire un regime dietetico per ridurre il peso eccessivo.

Prima di effettuare qualsiasi intervento di ginecomastia a Bari, il Chirurgo plastico Vincenzo Bucaria invita i pazienti a sottoporsi ad un’accurata visita preoperatoria, che consente di concordare con il paziente il tipo di intervento più adatto ad ogni caso specifico, in quanto talvolta, qualora l’elasticità della pelle e il tono dei tessuti muscolari fossero buoni, verrà proposto in alternativa un semplice intervento di liposuzione, o una tecnica di intervento chirurgico meno invasiva chiamata miniaddominoplastica. Al contrario, se i depositi adiposi dovessero riguardare anche la parte superiore dell’addome e i fianchi, si procederà ad un’addominoplastica completa, unita, se necessario, ad un intervento di liposuzione.

Gli interventi di ginecomastia a Bari determinano, ovviamente, alcune cicatrici, che sono comunque situate in maniera tale da essere coperte dagli slip o dal costume da bagno, mentre, nel caso in cui si lavori nella zona ombelicale, risultano invisibili. La durata media di questo tipo di interventi è di due/tre ore, solitamente è richiesta l’applicazione dei drenaggi, mentre i punti, riassorbibili e interni, non devono essere rimossi. L’intervento è praticato in anestesia generale ad esclusione dei casi meno complessi e delle piccole addominoplastiche, eseguite in anestesia locale. E’ necessaria una permanenza in ospedale di un paio di giorni e un trattamento post operatorio antibiotico, unito talvolta a comuni antidolorifici, sebbene il dolore non sia quasi mai intenso.