Interventi di blefaroplastica a Bari

Correzione chirurgica della zona intorno agli occhi

Gli interventi di blefaroplastica a Bari consistono in tutte quelle operazioni chirurgiche mirate ad ottenere la correzione dei difetti estetici e delle anomalie situate nella zona intorno agli occhi, quali possono essere le palpebre superiori gonfie cadenti, la presenza di borse adipose di volume considerevole e le occhiaie profonde e pronunciate: una serie di dettagli inestetici, la cui presenza invecchia notevolmente la fisionomia del viso e infonde allo sguardo un aspetto spento e invecchiato. La tecnica relativa agli interventi di blefaroplastica a Bari effettuati dal Chirurgo plastico Vincenzo Bucaria consiste prevalentemente in una serie di incisioni esterne, ma talvolta, ad esempio nel caso di borse palpebrali inferiori di dimensioni ridotte, è possibile ricorrere al metodo della blefaroplastica inferiore transcongiuntivale, che non comporta la presenza di incisioni esterne e di cicatrici conseguenti all’operazione.

La procedura completa consiste in un’accurata visita preoperatoria, effettuata al fine di valutare con la massima precisione l’entità del difetto, il tono della muscolatura delle palpebre e le aspettative del paziente, valutando così la situazione generale e personalizzando l’intervento in ogni particolare. La procedura chirurgica vera e propria degli interventi di blefaroplastica a Bari consiste nell’asportazione dell’eccesso cutaneo e muscolare, e nella rimozione o rimodellazione dei tessuti adiposi. Si tratta di un intervento piuttosto rapido, della durata massima di circa un’ora, eseguito in anestesia locale e con un decorso post operatorio rapido e quasi indolore, che consente di riprendere le proprie abitudini in poche settimane.

Le cicatrici relative alle piccole incisioni, che in diversi casi devono essere necessariamente praticate, sono sempre posizionate in maniera tale da risultare invisibili. I pazienti che richiedono questo tipi di intervento in genere rientrano in una fascia di età variabile tra i 40 e i 60 anni, tuttavia l’intervento non prevede limiti, e può essere praticato con successo anche in età più avanzata.